Harry Styles Live all’Unipol Arena di Bologna| Recensione Concerto

Foto 04-04-18, 21 14 35

Il 2 e il 4 aprile, Harry Styles, è tornato in Italia per le tappe italiane del suo nuovo tour, rispettivamente a Milano, al Forum di Assago, e a Bologna, all’Unipol Arena. Noi siamo state alla data bolognese e proprio come per la data all’Alcatraz di Milano di novembre, siamo rimaste estasiate dallo spettacolo che Harry riesce a creare.

Il countdown all’inizio del concerto viene accompagnato da uno schermo sul quale appaiono le mani di Harry alle prese con un cubo di Rubik, cubo che viene completato esattamente qualche istante prima dell’arrivo del cantante sul palco. Styles sale sul palco qualche minuto dopo le 21 con uno dei suoi completi firmati Gucci, questa volta tutto rosa. Il live si apre con Only Angel, a seguire Woman, Ever Since New York, Two Ghosts per poi passare a brani dal repertorio dei One Direction (Stockholm Syndrome e What Makes You Beautiful), il tutto accompagnato da due cover già presenti nella scaletta dello scorso tour: Just A Little Bit Of Your Heart di Ariana Grande e The Chain dei Fleetwood Mac. 

Foto 04-04-18, 21 27 59

Passiamo alle new entry di questa scaletta: Medicine, Anna e If I Could Fly (cover dei One Direction). I primi, due inediti che PURTROPPO non sono entrati a far parte della tracklist del suo primo album da solista e che speriamo decida presto di rilasciare in versione studio.

Tra una canzone e l’altra riesce come sempre ad interagire moltissimo con il pubblico: racconta della cena alla Francescana di Modena, fa alcune domande a delle ragazze e porta due torte di compleanno ai cameraman. Annulla quasi completamente quel distacco che solitamente si crea tra audience e artista, passando in mezzo ad una passerella tra i fans per raggiungere il B Stage, dove esegue Sweet Creature e If I Could Fly, creando uno dei momenti più emozionanti della serata.

Foto 04-04-18, 22 04 10

Anche questa volta Harry è riuscito a dimostrare quanto valga come artista e quanto per lui sia importante portare uno show che sia il più semplice ed emozionante possibile. Nessuna scenografia, solo lui e la sua band, qualche luce e degli schermi giganti che ritraggono ciò che succede sul palco. Il tutto accompagnato dal calore del pubblico.

Che dire se non che non vediamo l’ora di sentire nuova musica e che torni in tour il prima possibile?

Foto 05-04-18, 11 42 55

Setlist:

Only Angel

Woman

Ever Since New York

Carolina

Stockholm Syndrome (One Direction cover)

Just A Little Bit Of Your Heart (Ariana Grande cover)

Medicine (inedito)

Meet Me In The Hallway

Sweet Creature

If I Could Fly (One Direction cover)

Anna (inedito)

What Makes You Beautiful (One Direction cover)

Sign Of The Times

Encore:

From The Dining Table

The Chain (Fleetwood Mac cover)

Kiwi

Serena

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.