#NewMusicDistress: Franco126 e la sua Frigobar

Il nostro appuntamento con le novità arriva prima questa settimana, grazie a Franco126 e al suo primo singolo da solista: Frigobar.

IMG_8119

Dopo l’avventura iniziata insieme al produttore Carl Brave, con cui daranno vita al progetto Polaroid, scalando le classifiche e collezionando sold out su sold out nei principali club italiani, anche per Franco è arrivato il momento di cimentarsi in qualcosa del tutto personale proprio come il compagno di Solo guai.

Frigobar anticipa l’uscita dell’album di Franco126 che dovrebbe approdare nei negozi di dischi entro la fine dell’anno. Un singolo romantico e totalmente privo di autotune che ci fa ben sperare nel resto del lavoro.

In attesa di poter sentire di più, vi lasciamo il video e il testo della canzone! 😉

Testo

Va sempre alla stessa maniera
Con te che sbatti la portiera
E ti allontani dandomi la schiena
E sto solo questa sera, che mi sopporto a malapena
Lancio i vestiti a caso su una sedia
Resto in attesa
È una bottiglia aperta, ma ‘sto vino non disseta
La tele sempre accesa, (ah)
Scorrono i titoli di coda di qualche telenovela
E io scuoto la testa, nego l’evidenza
Abbiamo perso il treno e pure la coincidenza
Vabbè pazienza, (ah)
Non ha importanza, (no)

[Ritornello]
La pioggia bussa contro il finestrino
E noi a discutere di niente fino a far mattino
Ricordi, appannavamo i vetri col respiro
Te ne vai di già? (ah-ah)
Le foglie morte otturano il tombino
E come al solito mi contraddico di continuo
Ripeto che faccio soltanto un altro giro e svuoto il frigobar (ah-ah)

Vabbè, dai, poco importa
Solo un’altra giornata storta
Se va così non è né mia né tua la colpa
E lo so, vuoi una risposta
E io vorrei dire qualcosa, ma le parole mi muoiono in bocca
Ma forse è inevitabile (ehi)
E ci sta posto solo in un passo carrabile (ehi)
Ho messo il piede in una di queste pozzanghere (ehi)
Le nuvole impigliate tra antenne e parabole (ehi)
E su ‘sta strada solo passi falsi
Solo ritardi, sbagli e birre Weiss
Se ho fatto tardi resto ad aspettarti
E non ho altri programmi

E non ho altri programmi

La pioggia bussa contro il finestrino
E noi a discutere di niente fino a far mattino
Ricordi, appannavamo i vetri col respiro
Te ne vai di già? (ah-ah)
Le foglie morte otturano il tombino
E come al solito mi contraddico di continuo
Ripeto che faccio soltanto un altro giro e svuoto il frigobar (ah-ah)

Oramai guido senza meta e penso ai fatti miei
Gli occhi fissi sul guardrail
Come mai non so che è successo?
Forse ho perso un frame, non saprei

La pioggia bussa contro il finestrino
E noi a discutere di niente fino a far mattino
Ricordi, appannavamo i vetri col respiro
Te ne vai di già? (ah-ah)
Le foglie morte otturano il tombino
E come al solito mi contraddico di continuo
Ripeto che faccio soltanto un altro giro e svuoto il frigobar (ah-ah)

 

Serena

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.