#NEWMUSICDISTRESS | ROBERTA FINOCCHIARO

Per il #NewMusicDistress di oggi ci spostiamo in Sicilia e vi presentiamo una chitarrista e cantautrice di questa splendida terra: Roberta Finocchiaro.

1.Roberta Finocchiaro_foto di Lisa Mac_b
Crediti foto: Parole & Dintorni – Ufficio Stampa

Roberta nasce a Catania il 10 Ottobre 1993 in una famiglia di musicisti e inizia fin da piccola a coltivare la passione per la musica. A 10 anni inizia a suonare la chitarra e comincia a scrivere le prime canzoni. In breve tempo inizia a prendere lezioni di pianoforte e in seguito di chitarra. Nel 2010 inizia ad esibirsi con la sua band e nel 2014 Roberta viene notata dalla Tillie Records, etichetta discografica di Simona Virlinzi, sorella del produttore discografico catanese Francesco Virlinzi. Nel 2015 iniziano i lavori in studio per la realizzazione del primo album, uscito a settembre del 2016, Foglie Di Carta, dal genere pop/blues/folk ispirato alle sonorità americane. Inizia così il mini tour Foglie Di Carta Live con date in giro per l’Italia. Nel dicembre 2016 Roberta sale sul palco del Light Of Day (Italia) suonando con alcuni musicisti di Bruce Springsteen.

Il 7 dicembre 2016 apre l’ultima data del tour On di Elisa.

Nel settembre 2017 iniziano le registrazioni del suo secondo album a Memphis (Tennessee) con la partecipazione di musicisti americani. Due in particolare, il batterista Stephen Chopek e il bassista David LaBruyere, hanno accompagnato in vari studi di registrazione e tour il suo musicista preferito John Mayer. I due cureranno anche la produzione artistica dell’album.

Nel dicembre 2017 Roberta vince il Fiat Music di Red Ronnie e si esibisce per la prima volta al teatro Ariston di Sanremo e, nel gennaio 2018, si esibisce al Light Of Day ad Asbury Park (New Jersey).

SOMETHING TRUE_ ROBERTA FINOCCHIARO FRONT COVER_b
Crediti foto: Parole & Dintorni – Ufficio Stampa

Something True è il titolo del suo secondo album e racchiude 9 tracce che raccontano viaggi, emozioni, sogni e paure di una giovane donna. L’album è stato prodotto e registrato negli Stati Uniti (al Sam Phillips Recording di Memphis per la precisione) e da un primo ascolto si comprende subito la maestria che si nasconde dietro gli arrangiamenti dei produttori già citati. Il sound che troviamo nell’album è diviso tra il folk pop di Nashville e il Funk Soul di Memphis, entrambi suoni che arrivano da ispirazioni anni 70.

Continuate a seguirci per la recensione del disco e per qualche curiosità in più su Roberta!

 

Serena

 

KAOS INDIA – WAVE | RECENSIONE ALBUM

Oggi, per la nostra rubrica #NewMusicDistress, vi parliamo di una band Modenese: i KAOS INDIA!

6

Gruppo indie-alternative rock nato nel 2012 nell’unico vecchio complesso di grattacieli costruito negli anni ’70 a Modena. I primi tempi sono un cocktail a base di feste, notti interminabili e tanto lavoro fatto al quarto piano di un decadente palazzo con vetrate sulle luci della città. Sono anni vissuti intensamente, con la speranza che quelle luci un giorno possano accendersi su di loro. Tra il 2011 ed il 2015 realizzano due EP ed un album totalmente autoprodotti, suonano tantissimo dal vivo percorrendo migliaia di chilometri e accettando ogni tipo di ingaggio, trovandosi a suonare nelle situazioni più varie e surreali.
Nel 2017, però, qualcosa cambia: iniziano a collaborare con il produttore Pietro Foresti che li aiuta a perfezionare la propria identità di band e con cui cominciano i lavori sulle tracce che saranno contenute nel nuovo album WAVE (Universal Music Italia – 2019). Il sound che ne esce è autentico e personale, ma universalmente riconoscibile e porta la band su palchi importanti fino ad aprire un concerto dei Placebo!
I Kaos India sono formati dal front-man Mattia Camurri, dal chitarrista Fresh, dal bassista Vince Moreo e dal batterista Joe Schiaffi.

phpThumb_generated_thumbnailjpg

WAVE è uscito lo scorso 2 febbraio 2019, prodotto dal già citato Pietro Foresti e distribuito da Universal Music Italia. Il quartetto di Modena si dice felice del traguardo raggiunto con questo ultimo disco, frutto di anni di incessante lavoro e contenente brani scritti dal gruppo in un periodo di importante evoluzione. A tal proposito Matt, cantante dell band, spiega: “Ci sono periodi nella vita che forzano cambiamenti. WAVE è un album che esplora gli aspetti delle relazioni interpersonali e delle forti emozioni ad esse legate, sia quelle positive che quelle negative. Se dovessi descriverlo attraverso una metafora vi inviterei ad immaginare di passeggiare sul bagnasciuga al crepuscolo, il sole è tramontato ma la luce non ha ancora ceduto completamente al buio. Le onde del mare possono accarezzarvi dolcemente la pelle nuda promettendovi che andrà tutto bene oppure, nel caso il mare (e con lui il vostro animo) sia agitato, colpirvi furiosamente fino a gettare il vostro cuore nel più profondo dei turbamenti”.

I KAOS INDIA sono sicuramente un gruppo che si distacca dalle rock band che abbiamo attualmente nel nostro Paese. Il loro sound, infatti, si avvicina molto di più a influenze che vengono da band come gli Oasis, con suoni perfetti tecnicamente che mischiano voce, chitarra, basso e batteria a testi cantati interamente in inglese. Quest’ultima caratteristica è una delle più importanti tra quelle che contraddistingue la band visto quanto poco la musica italiana azzardi con la lingua inglese e quanto il pubblico nostrano sia poco abituato ad ascoltare cose diverse linguisticamente (sul piano del rock, ovviamente).

Che dire se non che hanno tutte le carte in regola per diventare una delle band più ascoltate non solo in Italia ma anche all’estero? Qui sotto vi lasciamo il link al disco e vi consigliamo vivamente di ascoltarlo! Intanto noi non vediamo l’ora di poterli sentire live a giugno!

Link al disco: https://open.spotify.com/album/5oo14A21DG2OM7NvxhFYVJ?si=koXw3DtBTt-BhZfYkZ6G4w.

 

Tracklist:

A Second

Who Needs Who

Half

The Void

Don’t Stop

Call To Mind

Eyes 

Stay

Close 

Burn Away

 

Serena

Franco126 – Stanza Singola | Recensione Album

81OfVQoWDKL._SX466_.jpg

Dopo l’esordio da solista di Carl Brave, adesso è il turno di Federico Bertollini, in arte Franco126, e del suo primo lavoro in studio: Stanza Singola. Sicuramente una delle novità più importanti e più attese di questo #NewMusicFriday.

Stanza Singola ha un sound che non si discosta molto da ciò che eravamo abituati a sentire dal duo trasteverino, ma che allo stesso tempo prende sempre più una direzione verso la nuova musica d’autore italiana, lasciandosi alle spalle quell’ibrido fra trap e cantautorato. Il disco è stato scritto partendo da alcune basi anonime trovate su YouTube, sulle quali Federico ha composto la melodia delle canzoni per poi riprendere tutto il materiale in studio di registrazione trasformandoli in veri e propri inediti.

Nel disco troviamo anche altri nomi della musica italiana: dal featuring con Tommaso Paradiso dei Thegiornalisti alle chitarre di Giorgio Poi su Stanza Singola, Parole Crociate, Ieri l’altro e Oi Oi.

Nonostante i progetti solisti di Carl Brave e Franco126 siano completamente diversi tra loro, è inevitabile esprimere una preferenza tra i due e la nostra va sicuramente a Franco126, che è riuscito a stupirci già dal primo ascolto!

Tracklist

San Siro
Stanza Singola
(feat. Tommaso Paradiso)
Brioschi
Fa Lo Stesso
Parole Crociate
Nuvole Di Drago
Frigobar
Oi Oi
Vabbè
Ieri L’altro

Serena

 

#NewMusicDistress: le cinque novità musicali della settimana | Top 5

Anche oggi torniamo con un nuovo #NewMusicDistress e quindi con le cinque canzoni che più ci piacciono tra le nuove uscite del consuetudinario New Music Friday.

Little Mix Feat. Nicki MinajWoman Like Me 

little-mix-woman-like-me

Le Little Mix sono finalmente tornate con un nuovo pezzo, Woman Like Me, un featuring con la regina del rap Nicki Minaj dal sapore pop / reggae. Il brano anticipa l’uscita del quinto album in studio, LM5, in arrivo il 16 novembre e rilasciato in ben tre versioni diverse: Standard, Deluxe, Super Deluxe.

Marco Mengoni  Voglio / Buona Vita

DpGT7ElXgAUv1UF.jpg

DpIC9UEX4AIYRin.jpg-large.jpeg

Marco Mengoni è tornato sulla scena musicale con un duplice singolo: Voglio e Buona Vita. Il comeback dell’artista avviene a distanza di due anni e dal precedente progetto Marco Mengoni Live (2016).

Dua Lipa Feat. Black PinkKiss And Make Up 

616aST-B4HL._SS500.jpg

Cosa succede se la principessa del pop britannico Dua Lipa e la girlband k-pop BLACKPINK si uniscono? Kiss And Make Up è il titolo della loro esplosiva collaborazione, contenuta nella nuova edizione del disco omonimo di Dua, uscito proprio oggi.

Zara LarssonRuin My Life

zara.jpg

Ne è passato di tempo dall’uscita del suo secondo album, So Good, e Zara Larsson ci riprova con un brano electro-pop. Niente di nuovo, ma sicuramente un pezzo piacevole, che preannuncia l’uscita di un nuovo progetto discografico a breve.

Tom OdellGo Tell Her Now 

Final_LOW_RES_website.jpg

Tom Odell non canta semplicemente canzoni, ma vere e proprie poesie. Il tema portante della sua discografia è senza ombra di dubbio l’amore in tutte le sue declinazioni. Go Tell Her Now è una romantica dichiarazione d’amore, accompagnata dalla bellissima voce del cantautore britannico.

Alessia 

 

#NewMusicDistress: le nuove uscite della settimana

Dal grande ritorno di Salmo al nuovo album dei Thegiornalisti, questo è un #NewMusicFriday decisamente pieno di novità sia nazionali che internazionali. Scopriamo insieme quali sono!

Salmo90MIN

Salmo-90-min

Le Luci della Centrale ElettricaMistica

IMG_7722

The ChainsmokersThis Feeling

The-Chainsmokers-ft-Kelsea-Ballerini-This-Feeling-500x500

LorenCI SALVEREMO TUTTI

LfJoqs-g

Mumford & SonsGuiding Light

UMG3316_MumfordSons_LP4_Packshot_4000x4000px_Final_300dpi.jpg

ThegiornalistiMilano Roma

love-thegiornalisti-cover-ts1537493264

PiottaSolo per noi 

piotta_solo_per_noi___th_320_0

Noizy, GhaliParku i Lojrave 

noizy_ghali_spettacolinew

 

Serena

 

#NewMusicFriday: i cinque album della settimana da non perdere | Top 5

Anne-MarieSpeak Your Mind

Speak-Your-Mind-album-cover-annemarie

La cantautrice britannica, reduce da un tour europeo che l’ha portata anche in Italia al Fabrique di Milano una settimana fa, Anne-Marie debutta con un disco vulcanico in tutti i sensi: Speak Your Mind. Si tratta di una dichiarazione di intenti che mescola abilmente pop, dance ed elettronica. Tra i pezzi di punta figurano: Ciao Adios e Alarm (dedicate ai suoi ex), Perfect e 2002, scritta in collaborazione con Ed Sheeran e Julia Michaels.

 

Janelle MonaéDirty Computer

janelle-monae-dirty-computer.jpg

Cantante, attrice, polistrumentista con una grande passione per l’elettronica e la contaminazione di molteplici suoni, Janelle Monaé è tornata con un progetto discografico dal titolo Dirty Computer. Il disco è anticipato dal singolo Make Me Feel, colonna sonora di Amici 17.

 

Lorenzo FragolaBengala

http---media.soundsblog.it-1-14a-bengala.jpg

Lorenzo Fragola è maturato dai tempi di 1995 (2015) e Zero Gravity (2016). Bengala, il suo terzo album in studio, lo dimostra. Una cura per i dettagli estrema e due collaborazioni con Gazzelle (Super Martina), Mecna e Mace (Cemento) caratterizzano un disco che ha tutte le potenzialità per diventare uno dei più interessanti nel panorama pop italiano del 2018.

 

Post Malone – beerbongs & bentleys 

1494365889_4e6ad483e3e35320ab07462222041764

Post Malone, rapper e produttore statunitense, molto più delle sue due hit Rockstar (un featuring con 21 Savage) e Psycho (Feat. Ty Dolla $ign). Ascoltare per credere!

AlbertOrme 

Coverre

Albert, rapper milanese comparso nel programma Da Qui A Un Anno di Real Time, ha rilasciato un EP intitolato Orme via Warner Music Italy. L’artista, classe ’97, si definisce un cantautore 2.0, che oscilla tra il pop e il rap. Le sue influenze musicali sono spaziano da Fabrizio De Andrè a Fabri Fibra passando per Edoardo Bennato e Bassi Maestro.

 

Alessia 

#NewMusicDistress | Tieni accesa la luce – GINGER BENDER

GINGER-BENDER-COPERTINA-DIGITALE WEB

Oggi dedichiamo questo #NewMusicDistress a un duo femminile italiano composto da Alessandra di Toma e Jeanne Hadley, conosciute come Ginger Bender.

Tieni accesa la luce, il loro album di debutto, esce oggi venerdì 27 aprile ed è stato prodotto da Paolo Mei per Rocketta Records, la cui produzione artistica è stata curata dal maestro Lorenzo Gasperoni, con cui le ragazze hanno studiato percussioni africane.

Alessandra e Jeanne si sono conosciute durante i loro studi jazz all’Accademia Internazionale della Musica di Milano e insieme hanno deciso di intraprendere questo progetto musicale. La loro passione per l’arte di strada le porta ad iniziare un lungo viaggio “on the road” che le porterà in Spagna, in Grecia e in Finlandia. Proprio durante questa avventura, le due ragazze, hanno la possibilità di esplorare nuove sonorità e di esibirsi con musicisti locali, allargando i propri orizzonti artistici.

La loro musica è ricca di influenze e universi sonori differenti, in cui lingue e stili si mischiano. Nelle loro canzoni, infatti, si possono sentire sonorità bluesfunkafro, armonie che ricordano vecchie ballad jazz degli anni ’30 cantate su un ritmo reggaesincopato.
I testi delle loro canzoni, scritti sia in italiano che in inglese (lingua madre di Jeanne), toccano diversetematiche: tra cui le diverse sfaccettature dell’amore, soprattutto quello disfunzionale. Alcuni sono stati ispirati da incontri avvenuti in tour, altri semplicemente da riflessioni condivise.
La dimensione live è davvero fondamentale per le Ginger Bender e viene intensificata anche grazie all’incontro con Paolo Mei di Rocketta Booking con il quale organizzano svariati tour per tutta la penisola, sia come Ginger Bender, sia come membri della band dell cantautrice americana Erin K.
Una delle prerogative del duo è quella dell’improvvisazione, retaggio del loro percorso musicale jazz e afro.
Tracklist:
Cumbia Nera
Anna non piangere
Mentre Dormivo
Otello
Che m’importa del mondo
Five
Blue Petit
This Song
A noi il loro album è piaciuto molto e vi consigliamo di aprire Spotify e di ascoltarlo! 😉
Serena